Morena Morante Morena Morante

Dove prendere un buon gelato

Categoria: Bambini, Mangiare e bere giugno 18, 2015

Jordi Roca. Rocambolesc

Jordi Roca. Rocambolesc

Il gelato è uno dei cibi per cui l’Italia è famosa in tutto il mondo, ma ciò non vuol dire che non possiamo mangiare un buon gelato anche all’estero. Madrid ne è un chiaro esempio.  Come sempre, bisogna sapere dove andare. 

Se cerchi un dolce ristoro durante la tua passeggiata per La Latina, ti consiglio di fermarti a Dolcezze (C/ Cava Baja, 25). A darci il benvenuto ci sono alcuni dei gusti più originali di Madrid: cassata siciliana, Baci Perugina o mojito, etc.  Tutti i gelati di Dolcezze sono elaborati con prodotti naturali e frutta fresca, e se sei un nottambulo, ti farà senz’altro piacere sapere che i fine settimana aprono fino alle 3 del mattino.

Hai voglia di un gelato italiano nella zona di Huertas? Dirigiti alla Gelateria Ricci (C/ Huertas, 9). La loro produzione è artigianale al 100% e consta di gusti classici, creativi, con fruttosa  e con latte di soia.

Un’atra delle gelaterie da non perdere durante la tua visita nella capitale madrilena è Rocambolesc  di Jordi Roca, il pasticcere del ristorante El Celler de Can Roca (miglior ristorante del mondo 2015). Situata nella calle Serrano, 52 nel nuevo Gourmet Experience de El Corte Inglés (7º piano), utilizza solo prodotti naturali, senza coloranti nè conservanti. Tra le creazioni più ‘rocambolesche’ di Jordi troviamo il sorbetto di cocco e violetta con fragole, caramella di miele e nuvole di violetta o il sorbetto di mela verde, lima, basilico, menta, cetriolo, finocchio, the verde e eucalipto.

I ragazzi di Mistura (C/ Augusto Figueroa, 5 – C/ Ciudad Rodrigo, 6 sotto uno degli archi di Plaza Mayor, di fronte al Mercato di San Miguel e con tavoli all’aperto) creano le basi dei loro gelati con materie prime naturali. Il latte, la panna e lo yoghurt provengono da una piccola azienda agricola fuori Madrid, in cui le mucche vengono alimentate solo con i prodotti locali. Il gelato e le guarnizioni vengono mischiati con due spatole su una piastra di granito a bassa temperatura per potenziarne la struttura e la cremosità. Inoltre, dispongono di un’ampia offerta per allergici o intolleranti. Ti suggerisco di provare il gelato al vino rosso e frutti rossi.

Il gelato di yoghurt con amarena, quello alla torta di limone o quello alla vaniglia con cookies sono delle più che buone ragioni per conoscere la gelateria Sienna (C/ De Narváez, 62), specializzata in sapori tradizionali, gelati senza zucchero o alla soia. Se non sai quale gusto scegliere, chiedi quello del mese.  

Dal quartiere del Retiro ci dirigiamo verso Chamartín dove si trova uno dei punti vendita dello storico grupo riminese La Romana (Paseo de la Habana, 27). Qui i gelati non hanno più di tre ore di vita e vengono elaborati con ingredienti genuini e latte ecologico. La nocciola ha tutto il sapore della ‘Nocciola del Piemonte’, il pistacchio si elabora con prodotti siciliani autentici e i gusti alla frutta, come ‘plátano de Canarias’ o fragole di Huelva provengono dall’agricoltura biologica.

Se sei in giro per Lavapiés, ti consiglio di fermerti a Sani Sapori (C/ Lavapiés, 31). Anche qui quasi tutte le materia prime utilizzate sono di origine biologica o a Km 0. Inoltre, la proprietaria e maestra gelataia, Freya Lo Giudice, è solita offrire gusti di stagione. A Sani Sapori anche il cono è artigianale e se sei celiaco, intollerante alla lattosa o vegano, Freya ti proporrà un gusto che fa al caso tuo.

Corro a prendere un gelato!

Tags: , , ,