Morena Morante Morena Morante

De tapas per il Retiro

Categoria: Mangiare e bere giugno 27, 2016

 

La Tasquería

La Tasquería

Il Retiro non è solo uno dei parchi più importanti di Madrid, ma è anche un quartiere, delimitato da Calle Alcalá e Calle O’Donnella nord, da Calle Doctor Esquerdo a est, da Avenida del Mediterráneo e dal Paseo de Reina Cristina a sud e da Calle de Alfonso XII a ovest. In questa zona il parco condivide il protagonismo con alcuni dei migliori ristoranti della capitale. Segui i miei consigli, se vuoi vivere un’esperienza culinaria degna di nota!    

Una delle tappe obbligatorie a Menéndez Pelayo è La Chelo de Iñaki Oyarbide. Il chef navarro, scomparso recentemente, aveva dedicato questo locale a sua madre, Consuelo Apalategui, la “gran dama della cucina spagnola”, con l’intenzione di rendere un tributo al prodotto di stagione e alla materia prima di qualità. Tra gli imperdibili del menú, ti segnalo i piatti di verdura navarra, el bacalao ajoarriero, le polpette di carne e prosciutto, i cannoli alla crema e las gildas (uno spiedino di olive e acciughe bagnato in olio Extra Vergine di Oliva, che servono come aperitivo).

Accanto a questo ristorante, possiamo fermarci per fare uno spuntino veloce e gourmet da Bocadillo de jamón y champagne. È specializzato in panini al prosciutto (vi sono anche con la mortadella e altri insaccati), che suggeriscono di accompagnare con alcune varietà di champagnes, come André Coulet o Frerejean Frères. Nel menú troviamo anche gazpacho, salmorejo, insalate, torta del Casar (formaggio di Extremadura) e qualche dolce fatto in casa.

Un altro degli imperdibili della zona è Taberna Arzábal. Los callos, il prosciutto, le uova strapazzate con tartufo, il salmorejo, la hamburger di pularda e las croquetas (di prosciutto o funghi, elaborate con latte di pecora di Ulzama) sono alcuni dei piatti forte di questa taverna moderna, che dispone del servizio take away.

Sulla stessa strada, Doctor Castelo, si ubicano Taberna Marcano (al numero 31) e La Castela (al numero 22). La prima è specializzata in cucina basca e offre ricette di stagione, come zuppe, piatti di carne, verdure o riso. La seconda, che conserva l’architettura tradizionale delle antiche taverne madrilene, è un classico della zona per degustare tapas tipicas, accompagnate da un buon vermut o un bicchiere di vino, champagne o sidra.

La Montería è invece una taverna dall’aria moderna, infatti la carta propone ricette classiche con tocchi innovativi. Tartar di cervo, rabo de toro disossato, risotto ai funghi e gamberi a la gabardina (fritti con una pastella di farina e amido di mais) invertiti sono solo alcune delle specilità di questo locale, che dispone inoltre, di un’ampia carta di vini e champagnes.

Non molto lontano da li si trova Laredo, uno dei ristoranti favoriti del Re Emerito Juan Carlos, famoso anche per le sue croquetas e i piatti di carne, ma soprattutto per la sua variegata offerta di vini, che cambia in continuazione, incorporando nuove annate o nuove denominazioni d’origine, provenienti da Spagna, Francia, Italia e Portogallo. Fatti consigliare da Miguel o da Javi!

Se ti piacciono le viscere e vuoi conoscerne una versione differente, ti consiglio di dirigerti a La Tasquería. A Madrid vi è lunga tradizione di questo tipo di cucina e in questo ristorante il chef Javi Estévez crea pietanze “con un tocco innovativo per una Madrid moderna”.

Se hai voglia di mangiare in un italiano, ti segnalo la trattoria moderna Ornella, specializzato in pizze napoletane o La Pastería, un laboratorio di pasta fresca, che offre ben 15 tipi diversi di pasta (anche per celiaci), come le casarecce al pesto o le fettuccine a la ruota, che si possono degustare in situ o take away. Il locale, creato da Teresa Sapey, è molto carino.

La Raquetista, anch’esso specializzato in piatti di stagione, è una delle ultime nuove aperture del quartiere. Javier, il chef, gioca con la tradizione spagnola fusionandola con alcuni ingredienti internazionali. Infatti nel menú troviamo tacos,  insalata di kale, ravioli di zucca con idiazábal e nocciole, ma anche bignè di baccalà, patatas bravas, erizos con crema de patatas, zuppe, cheesecake e molti piatti di caccia e viscere. Puoi mangiare al bancone o nel piccolo salone. Ti conquisterà la sorprendente versione de los torreznos (strisce di panceta fritta) di Javier!

Questi sono gli altri luoghi della zona che ti consiglio di conoscere durante la tua permanenza a Madrid: Magasand (specializzato in sandwiches), Taberna Pedraza (molto famoso per la sua tortilla de patatas), Babelia (di cucina internazionale), Taberna Los gallos (cucina spagnola e canaria), Triana (gastronomia andalusa), La niña de papá (specializzato in tapas d’autore), 90 grados (famoso per il brunch e l’ampia terrazza aperta durante tutto l’anno) e Cinco Jotas (ottimi i piatti di carne e di prosciutto).

Tags: , , ,